Nuovi incentivi a sostegno delle imprese colpite dal sisma nelle Marche

Home - Marche - Nuovi incentivi a sostegno delle imprese colpite dal sisma nelle Marche
ricostruzione sisma terremoto
in

Nuovi incentivi a sostegno delle imprese colpite dal sisma nelle Marche

La Regione Marche ha stanziato una dotazione di 8.400.000 € per il Bando POR FESR 2014-2020, a sostegno allo sviluppo di una piattaforma tecnologica di ricerca collaborativa nelle aree colpite dal sisma.

La finalità dell’intervento è quella di sostenere grandi programmi di investimento che coinvolgono ampi partenariati su temi di ricerca strategici, per le zone colpite dal terremoto tra il 2016 ed il 2017.

I progetti ammessi prevedono la realizzazione di una piattaforma collaborativa di ricerca nell’ambito della manifattura sostenibile con riferimento a:

  • Ecosostenibilità di prodotti e processi per i nuovi materiali: incremento dell’efficienza globale delle risorse, tracciabilità del ciclo di vita del bioprodotto, economia circolare e risparmio energetico, materiali compositi, funzionali, nanomateriali, biobased, smart.
  • Demanufacturing: approccio 4R “Riduzione, Riutilizzo, Riciclo e Recupero delle Risorse”.

Beneficiari dell’incentivo per lo sviluppo di piattaforme tecnologiche

Il Bando a sostegno delle aree colpite dal sisma nelle Marche, si rivolge ad aggregazioni pubblico-private di imprese, costituite o da costituire.

L’aggregazione può essere composta da:

  • Micro, Piccole e Medie Imprese (almeno 10 imprese)
  • Organismi di ricerca (massimo 5)
  • Fondazione Cluster Marche
  • altri Organismi attivi nelle aree di ricerca

Tipologie di investimenti ammessi al Bando per le imprese colpite dal sisma nelle Marche

La misura prevede 4 tipologie di intervento:

  • Linea di attività 1: attivazione e gestione di un laboratorio di ricerca.
  • Linea di attività 2: realizzazione di almeno 2 e massimo 3 progetti di R&S (nell’ambito dei materiali avanzati, nuovi materiali compositi, materiali bio-based).
  • Linea di attività 3: realizzazione di un progetto di trasferimento tecnologico.
  • Linea di attività 4: azioni di diffusione e valorizzazione dei risultati dell’attività di R&S.

Gli investimenti dovranno prevedere l’applicazione di soluzioni innovative di processo, prodotto e servizio nell’ottica dello “scarto zero”, della chiusura dei cicli e della simbiosi industriale, della valorizzazione degli scarti con conseguente riduzione dell’impatto ambientale e del risanamento ambientale. Queste soluzioni innovative potranno essere concretizzate in diverse filiere che vanno dai biomateriali (plastiche, tessuti, edilizia, vernici, coloranti, lubrificanti, tensioattivi, biosolventi ecc…), al settore della farmaceutica e della cosmesi, agli ambiti dei biocarburanti e delle bioenergie.

Le spese ammesse al bando sono relative ai costi del personale, degli investimenti materiali e immateriali, ricerca contrattuale e consulenze specialistiche, costi per materiali e altre spese generali.

Agevolazione concessa dal bando delle Regione Marche

La misura della Regione Marche prevede un contributo a fondo perduto, compreso tra il 40% ed il 100%, differenziato in base alla linea di intervento.

Scadenza

Sarà possibile presentare domanda entro le ore 13:00 del 15 gennaio 2020.

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli incentivi per le imprese delle Marche, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni