Bando per la continuità aziendale delle imprese danneggiate dall’emergenza Covid localizzate nelle aree di crisi industriale ed area sisma delle Marche

Home - Marche - Bando per la continuità aziendale delle imprese danneggiate dall’emergenza Covid localizzate nelle aree di crisi industriale ed area sisma delle Marche
Abruzzo Avviso pubblico Liquidità
in

Bando per la continuità aziendale delle imprese danneggiate dall’emergenza Covid localizzate nelle aree di crisi industriale ed area sisma delle Marche

La Regione Marche incentiva il rilancio delle PMI del territorio danneggiate dal blocco legato all’emergenza sanitaria, attraverso il bando “Contributi a sostegno del costo del lavoro e della continuità aziendale per le imprese dei settori particolarmente colpiti dall’emergenza Covid localizzate nei Comuni delle aree di crisi industriale e nei Comuni area sisma della Regione Marche“.

La dotazione complessiva destinata all’intervento ammonta a 15.000.000 €, garantita dal fondo POR FSE 2014/2020.

Beneficiari del Bando Regione Marche

Il Bando per la continuità aziendale incentiva micro, piccole e medie imprese in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituite, iscritte alla CCIAA e attive;
  • avere sede legale e operativa in uno dei Comuni ricadenti nelle aree di crisi industriale o area sisma della Regione Marche (vedi Allegato B del bando;
  • esercitare una delle attività economiche dei codici Ateco (vedi Allegato C del bando);
  • avere attivato nel periodo dal 23 febbraio 2020 ammortizzatori sociali ordinari o in deroga con causale Covid 19, per un periodo minimo di 3 mesi (anche non continuativi), per ogni lavoratore per il quale viene richiesto il contributo;
  • aver ripreso l’attività d’impresa alla data di presentazione della domanda;
  • aver richiamato in servizio per almeno 6 mesi, anche non continuativi (al lordo di eventuali sospensioni decretate dal Governo o a livello regionale per evitare il diffondersi della pandemia), i dipendenti per i quali si richiede il contributo;
  • aver stipulato il contratto di lavoro subordinato con il lavoratore/i presenti nella domanda di contributo, in data anteriore al 23 febbraio 2020;
  • non essere in stato di fallimento oppure di liquidazione o aver presentato domanda di concordato;
  • essere in regola con il Durc, con l’applicazione integrale del CCNL e gli accordi interconfederali, sottoscritti da associazioni di datori di lavoro ed organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative.

Tipologie di investimenti ammessi all’agevolazione

Gli obiettivi del Bando sono:

  • la conservazione del posto di lavoro ed il contenimento del rischio di marginalità socio-economica delle persone derivante dalla perdita del lavoro;
  • la ripartenza delle attività nelle imprese che hanno maggiormente sofferto delle disposizioni di sospensione, emanate al fine di contenere il contagio da Covid-19.

I lavoratori per i quali si richiede il contributo debbono possedere i seguenti requisiti:

  • essere dipendenti dell’impresa richiedente, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato anche part time (incluso il contratto di apprendistato professionalizzante;
  • aver attivato il rapporto di lavoro (come da Comunicazione Obbligatoria) in data antecedente il 23 febbraio 2020;
  • essere stati beneficiari di ammortizzatori sociali ordinari o in deroga con causale COVID-19, per almeno 3 mesi anche non continuativi, successivamente alla data del 23 febbraio 2020;
  • essere stati richiamati in servizio (tra i lavoratori richiamati in servizio sono inclusi anche quelli richiamati in servizio in modalità smart working), ovvero aver ripreso l’attività lavorativa, anche in modo non continuativo (al lordo delle eventuali sospensioni decretate dal Governo o a livello regionale), per almeno 6 mesi;
  • essere ancora in forza all’azienda.

I lavoratori per i quali viene concesso il contributo devono risultare in forza all’azienda per almeno 3 mesi, dopo l’invio della domanda di contributo, al lordo di eventuali sospensioni decretate dal Governo o a livello regionale.

Agevolazione per la continuità aziendale delle imprese danneggiate dall’emergenza Covid

L’intensità di aiuto è calcolata in base alle caratteristiche del contratto:

  • 7.500 € – contributo per lavoratore a tempo indeterminato full time;
  • 3.750 € – contributo per lavoratore a tempo indeterminato part-time pari o superiore al 50% previsto dal CCNL di riferimento;
  • 2.250 € – contributo per lavoratore a tempo indeterminato part-time pari o superiore al 30% ed inferiore al 50% previsto dal CCNL di riferimento.

L’importo di contributo massimo concedibile è pari a 50.000 €.

Scadenze del Bando per la continuità aziendale delle imprese della regione Marche

Si potrà presentare domanda dal 26 aprile al 30 novembre 2021, in base alle aperture delle seguenti finestre:

  • 1° finestra – dal 26 aprile al 15 luglio 2021
  • 2° finestra – dal 16 luglio al 15 settembre 2021
  • 3° finestra – dal 16 settembre al 30 novembre 2021

I progetti saranno selezionati tramite procedura valutativa a sportello.

Ogni impresa può inviare una o più domande, ma una sola in ciascuno sportello di riferimento, comprensiva di uno o più lavoratori per i quali si richiede il contributo.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi dedicati alle imprese delle Marche, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting