Campania Start Up 2020: incentivi per lo sviluppo di start up innovative in ambito RIS3

Home - Campania - Campania Start Up 2020: incentivi per lo sviluppo di start up innovative in ambito RIS3
start up - Finanza Agevolata

Campania Start Up 2020: incentivi per lo sviluppo di start up innovative in ambito RIS3

La Regione Campania sostiene la creazione e consolidamento di start-up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza, attraverso lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi innovativi in coerenza con le traiettorie prioritarie della “Strategia Regionale di Ricerca ed Innovazione per la Specializzazione Intelligente” RIS3 Campania, attraverso il Bando “Campania Start Up – annualità 2020“.

La dotazione finanziaria è pari a 5.000.000 € a valere sul fondo POR FESR Campania 2014-2020.

Beneficiari del Bando Campania Start Up 2020

Possono accedere alla misura della Regione Campania le micro e piccole imprese iscritte alla Sezione Speciale Start Up innovative del Registro Imprese, costituite da non più di 60 mesi, con sede o unità produttiva in Campania. L’agevolazione finanzia anche promotori d’impresa che si impegnano a costituire l’impresa entro 90 giorni dal decreto di approvazione.

Tipologie di attività ammesse all’agevolazione

La misura incentiva i progetti delle imprese campane finalizzati allo sviluppo di soluzioni tecnologiche relative ad 1 o più Traiettorie Tecnologiche Prioritarie individuate della RIS3 Campania, ovvero:

  • Aerospazio
  • Trasporti di superficie e logistica avanzata
  • Biotecnologie, salute dell’uomo, agroalimentare
  • Beni culturali, turismo, edilizia sostenibile
  • Energia e Ambiente
  • Materiali avanzati e nanotecnologie

Le spese ammesse all’agevolazione, successive alla presentazione della domanda, riguardano:

  • costi connessi all’investimento materiale e immateriale, per impianti specifici, macchinari, attrezzature ed arredi; per acquisto proprietà intellettuale ed in particolare costi dei brevetti, acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato; per acquisto programmi informatici funzionali all’attività di impresa e spese di realizzazione di siti web.
  • consulenze funzionali all’avvio e/o allo sviluppo del progetto relativi a brevetti, studi di fattibilità, servizi di consulenza in materia di innovazione, compresi i servizi di incubazione ed accelerazione di impresa, servizi di sostegno all’innovazione o di sostegno alla penetrazione del mercato, oppure alla digitalizzazione del business.
  • costi di personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui essi sono impiegati nel progetto) contrattualizzato a tempo determinato o indeterminato;
  • altre spese generali (calcolate nella misura forfettaria del 15% del totale delle spese del personale);
  • costi di esercizio: costi di garanzia finalizzati all’erogazione del contributo in anticipazione, spese di promozione e commercializzazione, costi dei canoni di affitto dei locali della sede operativa, spese per licenze software e per servizi in cloud.

Agevolazione prevista dalla misura POR FESR “Campania Start Up 2020”

Il Bando per lo sviluppo delle start up innovative mette a disposizione contributi a fondo perduto pari al 70% della spesa, a partire da un importo minimo di 50.000 € fino ad un importo massimo di 300.000 €.

Scadenza Campania Start Up 2020

Si potrà accedere alla misura “Campania StartUp – annualità 2020” fino all’11 settembre 2020. I progetti saranno selezionati in base ad una graduatoria finale, dopo una valutazione a punteggio.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi per le imprese, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni