Bonus per il settore tessile e moda: riepilogo sugli incentivi previsti dalla Legge n° 77/2020

Home - Covid-19 - Bonus per il settore tessile e moda: riepilogo sugli incentivi previsti dalla Legge n° 77/2020
settore moda made in italy bando fashion lombardia new design

Bonus per il settore tessile e moda: riepilogo sugli incentivi previsti dalla Legge n° 77/2020

La Legge n. 77/2020 (Conversione in legge del Decreto Rilancio n. 34/2020) ha confermato diverse misure a sostegno del Made in Italy e del settore Moda.

Bonus per il settore tessile e moda 2020

Le imprese del settore moda, tessile, calzaturiero, pelletteria e accessori – il cosiddetto “Made in Italy” – possono beneficiare di contributi a fondo perduto e bonus fiscali a sostegno della ripresa dell’attività e della realizzazione dei nuovi campionari, contrastando gli effetti negativi del lockdown e delle limitazioni causate dall’emergenza sanitaria Covid-19, dei mesi scorsi.

  • Art. 38 bis  – “Misure di sostegno all’industria del tessile, della moda e degli accessori
  • Art. 48 bis  – “Concessione di un credito d’imposta per contenere gli effetti negativi sulle rimanenze finali di magazzino nel settore tessile, della moda e degli accessori

Qui di seguito una sintesi sulle principali novità.

Art. 38 bis – Misure di sostegno all’industria del tessile, della moda e degli accessori

La misura incentiva le imprese operanti nel settore tessile, della moda e degli accessori, in modo particolare le start-up innovative che investono nel design e nella creazione. L’obiettivo è quello di sostenere i giovani talenti del settore, che valorizzano prodotti Made in Italy di alto contenuto artistico e creativo.

L’agevolazione prevede un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili.

La dotazione finanziaria stanziata per la misura è pari a 5 milioni di euro, per l’anno 2020. Si attende il decreto attuativo del Ministro dell’Economia e delle Finanze per conoscere i termini e le modalità di applicazione.

Art. 48 bis – Concessione di un credito d’imposta per contenere gli effetti negativi sulle rimanenze finali di magazzino nel settore tessile, della moda e degli accessori

Il bonus sostiene le imprese operanti nel settore tessile, moda, calzaturiero e pelletteria a contenere gli effetti negativi sulle rimanenze di magazzino. L’agevolazione consiste in un credito d’imposta pari al 30% delle rimanenze finali di magazzino.

Il credito viene calcolato sulla differenza tra il valore del magazzino presente alla data di entrata in vigore del DPCM del 9 marzo 2020 (Decreto #IoRestoaCasa, entrato in vigore il 10 marzo 2020) e la media del medesimo valore registrato nei 3 periodi d’imposta precedenti (ossia, 2017-2018-2019).

Il Bonus per il settore tessile e moda è fruibile esclusivamente in compensazione, nel periodo d’imposta successivo rispetto a quello in cui si è sostenuto l’investimento. Il metodo e i criteri per la valutazione delle rimanenze finali di magazzino devono essere omogenei tra i vari periodi di imposta.

La consistenza delle rimanenze di magazzino deve essere stabilita tramite certificazione da parte di un revisore legale, per le imprese non soggette ad obbligo, e i valori di bilancio, per le imprese con bilancio certificato.

Per l’anno 2020, la dotazione finanziaria complessiva è pari a 45 milioni di euro. Si attende il decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze che definisce i termini e le modalità di applicazione.

Altri incentivi per il settore moda: Bonus Ricerca & Sviluppo, Innovazione e Design

Con la Legge di Bilancio 2020, le imprese dei settori tessile e moda, calzaturiero, occhialeria, orafo, mobile e arredo e della ceramica, possono beneficiare di un credito d’imposta pari al 6% per le spese sostenute per la realizzazione dei campionari non destinati alla vendita. L’importo massimo erogabile è di 1,5 milioni di euro.

Sono ammessi i costi sostenuti, nel periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019, per la concezione e realizzazione di nuove collezioni e campionari, che presentino elementi di novità rispetto alle precedenti, dal punto di vista dei tessuti e materiali, della loro combinazione, oppure sul versante dei disegni, forme e colori. Non è considerata una novità, la semplice modifica di un colore o di un dettaglio rispetto alla collezione precedente.

Concorrono a formare la base di calcolo del credito d’imposta le seguenti spese:

  • personale titolare di rapporto di lavoro subordinato o di lavoro autonomo (o altro rapporto diverso dal lavoro subordinato), comprese le prestazioni lavorative degli amministratori o soci;
  • quote di ammortamento, i canoni di locazione finanziaria o semplice e le altre spese relative ai beni materiali mobili;
  • contratti stipulati con professionisti, studi professionali o altre imprese aventi ad oggetto il diretto svolgimento delle attività di design e ideazione estetica;
  • servizi di consulenza e servizi equivalenti;
  • materiali, forniture e altri prodotti.

Leggi di più sugli incentivi previsti dalla Legge 77/2020, al seguente link.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi per le imprese del settore moda, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni