PID CCIAA Lucca 2021: contributi a favore della digitalizzazione delle imprese

Home - Toscana - PID CCIAA Lucca 2021: contributi a favore della digitalizzazione delle imprese
Voucher digitali Verona 2021

PID CCIAA Lucca 2021: contributi a favore della digitalizzazione delle imprese

La Camera di Commercio di Lucca mette a disposizione delle micro e piccole imprese della propria circoscrizione territoriale il Bando PID per l’anno 2021, il contributo ha lo scopo di sostenere i processi di digitalizzazione delle imprese favorendo l’introduzione di servizi tecnologici 4.0.

Beneficiari e attività ammissibili per l’accesso al PID CCIAA Lucca 2021

Possono accedere alla richiesta di contributo le micro e piccole imprese:

  • con sede legale e/o unità operativa nella provincia di Lucca;
  • iscritte al Registro delle Imprese e attive;
  • in regola col pagamento del diritto annuale;
  • con volume di ricavi nell’anno 2020 inferiore a € 3 milioni;
  • non in stato di fallimento, liquidazione (anche volontaria), amministrazione controllata, concordato preventivo, soggette a procedure concorsuali o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente.

Sono ammessi al bando i progetti per l’acquisto di servizi di consulenza e/o formazione finalizzati all’implementazione di una o più tecnologie, come ad esempio robotica avanzata e collaborativa, internet delle cose e delle macchine, big data e analytics, blockchain, ecc. , nonchè di beni e servizi strumentali funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti.

Spese ammissibili per ottenere il contributo

Spese sostenute a partire dal 01/01/2021 (fatture e/o preventivi) fino alla data di rendicontazione e relative a:

  • servizi di consulenza e/o formazione (nel massimo del 20% del totale delle spese ammissibili per l’ambito dell’innovazione digitale);
  • acquisto e locazione (leasing) di beni strumentali e servizi (attrezzature tecnologiche, software e servizi informatici) funzionali all’acquisizione delle tecnologie/certificazioni ammesse;
  • spese di certificazione relative agli interventi realizzati nell’ambito della sostenibilità ambientale.

Sono da ritenersi compresi, a titolo esemplificativo e non esaustivo, purché afferenti agli ambiti tecnologici di intervento previsti, i costi per acquisto e locazione di:

  • Notebook , PC, tablet, pendrive USB, stampanti, scanner e relativi accessori;
  • apparati orientati alla telematizzazione delle attività: webcam, microfono, altoparlanti, sistemi integrati per la videoconferenza;
  • tecnologie e servizi in cloud in grado di garantire forme di collaborazione a distanza, incluse spese e contratti per abbonamento a servizi in cloud in modalità “software as a service”;
  • installazione VPN, VoiP, sistemi di Backup / ripristino dei dati e sicurezza di rete;
  • configurazione delle reti e degli strumenti per il lavoro a distanza;
  • software per servizi all’utenza (es. siti web, app, integrazioni con provider, servizi di pagamento, piattaforme e-commerce e sistemi di delivery);
  • spese per acquisto di strumentazione e servizi per la connettività (es. modem e router Wi-Fi, switch, antenne, escluso dispositivi di telefonia mobile).

Sono escluse dal contributo spese di trasporto, vitto e alloggio, comunicazione, spese generali, adeguamenti a norma di legge, tematiche di tipo fiscale, finanziario o giuridico, e la formazione obbligatoria.

Spesa minima: € 1.000.

Agevolazione e scadenza

Il Bando PID CCIAA Lucca 2021 mette a disposizione un contributo a fondo perduto sotto forma di voucher fino al 60% delle spese ammesse, per un massimo di € 10.000.

È prevista una premialità pari a € 500 per progetti di investimento con spese ammissibili per almeno € 25.000.

Apertura sportello presentazione domande: dal 25 maggio 2021 al 31 luglio 2021.

La procedura valutativa avverrà a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda, inoltre è ammesso cumulo con altre agevolazioni pubbliche.

È consentita una sola domanda per impresa.

Fornitori ammessi per i servizi di consulenza e formazione:

  • centri di ricerca e trasferimento tecnologico, Competence center, parchi scientifici e tecnologici, centri per l’innovazione, Tecnopoli, cluster tecnologici ed altre strutture per il trasferimento tecnologico, accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali;
  • incubatori certificati e incubatori regionali accreditati;
  • FABLAB;
  • centri di trasferimento tecnologico su tematiche Industria 4.0;
  • start-up innovative e PMI innovative;
  • Innovation Manager iscritti nell’elenco dei manager tenuto da Unioncamere;
  • ulteriori fornitori, attivi da almeno un anno, che siano in grado di fornire consulenza e formazione nelle tematiche I4.0 (alla domanda occorre allegare un’autocertificazione attestante tale condizione);
  • agenzie formative accreditate da Regioni, Università e Scuole di Alta Formazione riconosciute dal MIUR, Istituti Tecnici Superiori (solo per servizi di formazione).

I fornitori non possono essere beneficiari della misura in cui rivestono la qualifica di fornitori e non devono essere in rapporto di collegamento/controllo con l’impresa beneficiaria.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting