Veneto: contributi per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione di imprese e professionisti

Home - Veneto - Veneto: contributi per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione di imprese e professionisti
Classificazione Credito d'imposta Ricerca Sviluppo R&S Innovazione Design progetti
in

Veneto: contributi per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione di imprese e professionisti

La Regione Veneto sostiene i progetti di ricerca e innovazione attraverso il bando “Contributi regionali a favore di imprese e liberi professionisti a sostegno di progetti di ricerca, sviluppo innovazione“. La dotazione finanziaria stanziata per l’intervento è pari a 8 milioni di euro.

La misura fa parte del piano di interventi “Ora, Veneto!” a supporto della ripresa del tessuto imprenditoriale della Regione Veneto.

Beneficiari del Bando Regione Veneto

La misura incentiva i progetti di ricerca, sviluppo e innovazione di imprese, professionisti o società di professionisti e associazioni professionali, con le seguenti caratteristiche:

  • Micro, Piccole, Medie e Grandi Imprese attive e iscritte al Registro delle Imprese presso la CCIAA competente. Sono ammesse anche le imprese estere purchè aventi sede legale in uno Stato membro dell’Unione e aventi almeno un’unità locale in Veneto, nella quale saranno realizzate le attività finanziate dal bando e con codice Ateco C (da “10” a “32.20.09”). Alla stessa attività deve riferirsi anche l’intervento finanziato.
  • Liberi Professionisti con partita IVA, attivi e regolarmente iscritti all’ordine o collegio professionale (oppure aderenti ad associazioni professionali iscritte nell’elenco del MISE), che hanno identificato all’interno del territorio della Regione Veneto il luogo di esercizio prevalente dell’attività così come riportato nella “Dichiarazione inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini IVA”.
  • Associazioni professionali con partita IVA, costituita nel rispetto delle vigenti leggi professionali, che hanno identificato all’interno del territorio della Regione Veneto il luogo di esercizio prevalente dell’attività così come riportato nella “Dichiarazione inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini IVA”, che rispettano, in caso di professioni non organizzate, le norme di pubblicità e conoscibilità.
  • Società tra professionisti con almeno un’unità locale situata in Veneto, risultante da visura camerale, in cui saranno realizzare le attività finanziate con il presente bando.

Tipologia di investimenti ammessi ai progetti di ricerca, sviluppo e innovazione di imprese e professionisti 

Gli interventi sono ammessi se successivi al giorno dopo la data di presentazione della domanda e devono concludersi entro 18 mesi decorrenti dalla data di ricezione della notifica di concessione delle agevolazioni.

  • Attività delle Imprese ammessi

Progetti di innovazione di processo e/o innovazione dell’organizzazione diretti ad aumentare il livello di efficienza e/o di flessibilità nello svolgimento delle funzioni aziendali, in grado di consentire la trasformazione tecnologica e digitale dell’impresa mediante l’utilizzo delle tecnologie abilitanti.

  • Attività di Liberi professionisti, associazioni professionali, studi associati e società tra professionisti ammessi

Interventi di innovazione o trasformazione digitale dell’attività professionale in grado di aumentare il livello di efficienza e/o di flessibilità nello svolgimento dell’attività professionale.

Per le imprese, gli interventi dovranno essere coerenti con il “Documento di Strategia Regionale della Ricerca e l’Innovazione in ambito di Specializzazione Intelligente – RIS3 Veneto” approvato con DGR n. 1020 del 17 giugno 2014 e successivamente integrato con DGR n. 216 del 28 febbraio 2017, in relazione ai relativi ambiti tematici e alle traiettorie e priorità di sviluppo.

Spese ammesse al bando per la ricerca e l’innovazione di imprese e professionisti del Veneto

Imprese:

  • Servizi di consulenza per l’innovazione (consulenza esterna) di natura tecnica utilizzati esclusivamente ai fini dell’intervento d’innovazione;
  • Costi delle conoscenze, delle competenze e dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne alle normali condizioni di mercato e utilizzati solo ai fini dell’intervento di innovazione
  • Costi di esercizio, relativi ai costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili all’intervento di innovazione e i costi accessori relativi all’ottenimento del finanziamento agevolato
  • Investimenti in beni strumentali nuovi, materiali e immateriali, compresi negli allegati A e B L. 232/2017. Escluso il leasing.

L’importo di spesa minima per le MPMI è di 100.000 €, mentre la soglia di spesa massima è di 500.000 €. Invece, per le grandi imprese l’importo di spesa minima è di 500.000 €, mentre la spesa massima pari a 1.000.000 €.

Liberi professionisti, associazioni professionali, studi associati e società tra professionisti:

  • Progettazione, sviluppo e produzione di una nuova architettura telematica funzionale all’innovazione o trasformazione digitale dell’attività;
  • Investimenti in beni strumentali materiali: acquisto di strumenti e attrezzature nuovi e professionali, per l‘innovazione o trasformazione digitale dell’attività professionale. Tali beni devono essere installati nella sede di svolgimento del progetto, ovvero posti a servizio esclusivo dell’attività professionale svolta nella sede. Sono sempre esclusi i beni non capitalizzati (ossia i beni consumabili o di vita utile inferiore a un anno), gli arredi e mobili per l’ufficio, i leasing o le locazioni finanziarie;
  • Investimenti in beni strumentali immateriali: brevetti, software, conoscenze e know how tecnico, funzionali all’innovazione o trasformazione digitale dell’attività professionale;
  • Costi di esercizio, relativi ai costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili all’intervento di innovazione e i costi accessori relativi all’ottenimento del finanziamento agevolato.

La spese minima per Liberi Professionisti, Associazioni professionali e Società tra professionisti è di 30.000 €, mentre la soglia di spesa massima è pari a 70.000 €.

Agevolazione prevista dal bando Regione Veneto per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione

Il bando “Contributi regionali a favore di imprese e liberi professionisti a sostegno di progetti di ricerca, sviluppo innovazione” mette a disposizione un contributo in forma mista fondo perduto e finanziamento agevolato secondo la seguente tabella:

Incentivo per Liberi Professionisti e MPMI

  • Contributo a fondo perduto pari al 50% del totale delle spese preventivate e riconosciute ammissibili
  • Finanziamento agevolato
    • quota fondo agevolato del 25% e quota finanziatore del 25% per le spese di investimento in beni strumentali materiali e immateriali sostenute dai Liberi Professionisti;
    • quota fondo agevolato del 25% e quota finanziatore del 25% per le spese di investimento in beni strumentali industria 4.0 per Micro, Piccole e Medie Imprese.

Incentivo per Grandi Imprese

  • Contributo a fondo perduto pari al 20% del totale delle spese preventivate e riconosciute ammissibili
  • Finanziamento agevolato composto dalla quota fondo agevolato del 40% e quota finanziatore del 40% per le spese di investimento in beni strumentali industria 4.0.

Il finanziamento agevolato si compone di:

  • Quota Fondo agevolato: quota di provvista pubblica con assunzione del rischio di mancato rimborso da parte del beneficiario e a carico del Fondo per la parte di competenza.
  • Quota finanziatore: quota di provvista privata messa a disposizione dal Finanziatore ad un tasso non superiore al tasso convenzionato. Il finanziatore può essere individuato dal richiedente nell’ambito delle banche e degli intermediari finanziari convenzionati con Veneto Sviluppo.

Il finanziamento prevede una durata massima rimborso 7 anni comprensivi di eventuale pre-ammortamento ed un rimborso a rate semestrali posticipate scadenti a fine trimestre solare.

Limiti per MPMI e grandi imprese, per interventi per innovazione di processo e/o dell’organizzazione.

  • Contributo a fondo perduto per:
    • Consulenze – consulenza esterne di carattere tecnico-scientifico,
    • Conoscenze – acquisizione o ottenimento di conoscenze, competenze e brevetti,
    • Costi di esercizio – materiali e forniture connessi alla realizzazione delle attività di innovazione di processo/organizzazione (limitazioni max 10% del totale delle spese ammissibili).
  • Contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato per investimenti relativi a beni industria 4.0 – beni strumentali, materiali e immateriali, compresi negli elenchi ministeriali relativi a industria 4.0. Limitazioni per quota minima obbligatoria di spesa pari al 50% del totale delle spese ammissibili.

Limiti per i liberi professionisti, associazioni professionale e società tra professionisti, per interventi relativi ad innovazione o trasformazione digitale.

  • Contributo a fondo perduto per:
    • Progettazione – progettazione, sviluppo e produzione di una nuova architettura telematica (solo costi esterni);
    • Costi di esercizio – materiali forniture connessi alla realizzazione delle attività di innovazione/trasformazione digitale (limitazioni max 5% del totale delle spese ammissibili).
  • Contributo a fondo perduto e finanziamento agevolato per:
    • Investimenti materiali – acquisto di beni strumentali materiali nuovi necessari per l’innovazione/trasformazione digitale;
    • Investimenti immateriali – acquisto di beni strumentali immateriali quali software, conoscenze, brevetti necessari per l’innovazione/trasformazione digitale;

Per entrambe le tipologie la quota minima obbligatoria di spesa pari al 70% del totale delle spese ammissibili.

Scadenza del bando regione Veneto

Sono 2 gli sportelli per la presentazione delle domande di contributo per il bando:

  • Per Liberi Professionisti, associazioni professionali e società tra professionisti sarà possibile presentazione domanda dal 5 luglio al 12 luglio 2021;
  • MPMI e Grandi Imprese potranno presentare domanda dal 19 luglio al 26 luglio 2021.

Ogni soggetto può presentare una sola domanda di contributo.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi per progetti di innovazione, ricerca e sviluppoiscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting