Lazio, Bando Start Up Culturali e Creative 2020: fino 30.000 € di contributo a fondo perduto

Home - Lazio - Lazio, Bando Start Up Culturali e Creative 2020: fino 30.000 € di contributo a fondo perduto
start up culturali creative
in

Lazio, Bando Start Up Culturali e Creative 2020: fino 30.000 € di contributo a fondo perduto

La Regione Lazio stanzia 850.000 € per il bando “Start up culturali e creative – 2020” (Legge Regionale 13/2013, art. 7 “Fondo della creatività per il sostegno e lo sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative“) che finanzia lo sviluppo di start-up del settore culturale e creativo, in particolare nei settori dell’audiovisivo, delle tecnologie applicate ai beni culturali, dell’artigianato artistico, del design, dell’architettura e della musica.

Beneficiari del Bando “Start up culturali e creative 2020”

La misura finanzia la nascita e lo sviluppo di micro, piccole e medie imprese culturali e creative, costituite da meno di 24 mesi alla data di presentazione della domanda, con sede operativa nel Lazio. Possono beneficiare dell’agevolazione anche gli aspirati imprenditori che si impegnano a costituire l’impresa entro 90 giorni dalla concessione del contributo.

L’incentivo cofinanzia i costi di avvio e di primo investimento, per i seguenti settori di attività:

  • Patrimonio culturale ed artistico (Arte, Restauro, Artigianato artistico, Tecnologie applicate ai beni culturali, Fotografia)
  • Architettura e Design (Architettura, Design, Disegno industriale, Design della Moda)
  • Musica
  • Audiovisivo
  • Editoria
  • Comunicazione
  • Videogiochi e software

Agevolazione dedicata alle start-up culturali e creative del Lazio

Il bando stanzia un contributo a fondo perduto pari al 80% delle spese ammissibili, fino ad un massimo erogabile di 30.000 €.

Tipologia di investimenti ammessi all’agevolazione

Le spese ammesse al bando “Start up culturali e creative 2020” della Regione Lazio riguardano:

  • oneri di costituzione;
  • adeguamenti impiantistici, macchinari e attrezzature (hardware compreso) ed altri beni strumentali;
  • costi di fornitura di servizi qualificati;
  • infrastrutture di rete e collegamenti;
  • costi per fidejussioni a garanzia del contributo (erogato a titolo di anticipo);
  • certificazioni di processo e di prodotto;
  • materiali di prova, realizzazione di prototipi e collaudi finali;
  • acquisto o registrazione di brevetti, diritti e marchi nazionali ed internazionali;
  • acquisizione o licenze di opere di ingegno o diritti di proprietà industriale;
  • spese di funzionamento d’impresa (es. affitto, utenze, consulenze legali, fiscali e compreso anche l’acquisto di merce o servizi rivendibiliper costituire un magazzino di avviamento);
  • promozione e pubblicità.

Scadenza del bando per le start-up culturali e creative 

Sarà possibile compilare il formulario e presentare la domanda dal 30 luglio (l’invio sarà possibile dalle ore 12.00) al 1° ottobre 2020 (la chiusura è prevista alle ore 18.00). La valutazione dei progetti seguirà l’ordine cronologico di presentazione delle domande, in base ad una graduatoria finale.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni disponibili per le start up della Regione Lazio, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni