Fondo Investimenti Toscana: “Aiuti agli investimenti” per favorire la ripresa del sistema produttivo

Home - Covid-19 - Fondo Investimenti Toscana: “Aiuti agli investimenti” per favorire la ripresa del sistema produttivo
credito d'imposta

Fondo Investimenti Toscana: “Aiuti agli investimenti” per favorire la ripresa del sistema produttivo

Con il “Fondo Investimenti Toscana – Aiuti agli investimenti“, la Regione Toscana intende sostenere gli investimenti in beni materiali e immateriali delle imprese, finalizzati alla ripresa dell’attività a seguito dell’emergenza epidemiologica.

L’obiettivo è quello di favorire la ripresa delle attività economiche in sicurezza, garantendo la ripresa degli investimenti del sistema produttivo finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19, delle imprese artigiane, industriali, manifatturiere, nonché del settore turistico, commerciale, cultura e terziario.

Per la misura sono stati stanziate risorse regionali pari a 7.093.243 €, le risorse saranno ripartite tra i settori economici sarà effettuata in base alla seguente percentuale:

  • 70% al settore manifatturiero;
  • 30% al settore del turismo, commercio, terziario e altro.

Beneficiari del Fondo Investimenti della Regione Toscana

Il Fondo Investimenti Toscana incentiva micro, piccole e medie imprese, in forma singola o associata, con sede o unità locale attiva sul territorio della Regione Toscana, Durc regolare e Codice Ateco ammesso (escluso agricoltura, commercio ingrosso, attività finanziarie e immobiliari).

Le imprese beneficiarie devono inoltre possedere un’adeguata capacità economico-finanziaria, possedere adeguata capacità patrimoniale – ossia, patrimonio netto/(costo progetto-importo contributo)>0,2 – e non aver licenziato membri del proprio personale dipendente a partire dal 1° febbraio 2020, impegnandosi a mantenerlo nei 12 mesi successivi all’ammissione al finanziamento.

Attività ammesse all’incentivo previsto dal Fondo Investimenti Toscana

Il Bando finanzia gli investimenti in beni materiali e immateriali, finalizzati alla ripresa dell’attività imprenditoriale, in particolare relativi alle spese successive alla data 1° febbraio 2020 e sostenute entro 12 mesi dalla data di comunicazione dell’ammissione.

Le spese ammesse riguardano:

  • interventi sugli immobili: manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia e ampliamento (esclusa nuova edificazione), eliminazione delle barriere architettoniche, incremento dell’efficienza energetica, adozione di misure antisismiche;
  • impianti, macchinari, attrezzature, mobili e arredi e altri beni funzionali all’attività di impresa (ammesso leasing o noleggio);
  • software funzionali all’attività di impresa (ammesso modalità in cloud);
  • messa in sicurezza dei locali: sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati, acquisto di dispositivi di protezione individuale e di altri dispositivi atti a garantire la salute dei lavoratori e degli utenti;
  • mezzi mobili strettamente necessari al ciclo di produzione, purché dimensionati alla effettiva produzione, identificabili singolarmente e a servizio esclusivo dell’impianto, immatricolati come “autocarri” e con un rapporto tra potenza del motore espressa in KW e portata del veicolo espressa in tonnellate superiore a 180 (ammesso leasing o noleggio);
  • progettazione e direzione lavori;
  • spese correnti (es. utenze, affitti, scorte, attestazione revisore contabile).

L’investimento minimo deve essere pari ad almeno 20.000 €, mentre la spesa massima è pari a 200.000 €.

Agevolazione prevista dal Fondo Investimenti Toscana

L’agevolazione per le imprese toscane consiste in un contributo a fondo perduto pari ad almeno il 40% della spesa ammessa. Sono inoltre previsti i seguenti incrementi:

  • 5% per investimenti finalizzati al contenimento e al contrasto dell’emergenza epidemiologica covid-19;
  • 10% per investimenti in beni materiali ed immateriali funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale (elencati nell’allegato A e B della legge di bilancio 2017 e interconnessi al sistema aziendale);
  • 10% in caso di incremento occupazionale durante la realizzazione dell’intervento e comunque entro la conclusione dello stesso.

Scadenza del Bando POR FESR Fondo Investimenti Toscana

Lo sportello per la presentazione delle domande aprirà dalle ore 9:00 del 24 settembre 2020 fino al 15 novembre 2020, salvo chiusura anticipata per esaurimento dei fondi. La selezione dei progetti avverrà tramite procedura automatica a sportello secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi per le imprese della Toscana, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni