Lombardia: Bando Efficienza Energetica per le imprese del settore ricettivo

Home - Lombardia - Lombardia: Bando Efficienza Energetica per le imprese del settore ricettivo

Lombardia: Bando Efficienza Energetica per le imprese del settore ricettivo

Con il Bando Efficienza Energetica – contributi imprese settore ricettivo, la Regione Lombardia ed il Sistema Camerale lombardo sostengono le micro e piccole imprese lombarde del settore ricettivo (alberghi, alloggi per vacanze, campeggi), che a seguito dell’aumento dei costi dell’energia, dovuti anche dalla crisi internazionale in corso, vedono ulteriormente aggravato il contesto economico proprio nella fase di ripresa dalla crisi economica da Covid 19.

Per la misura è stata stanziata una dotazione complessiva pari a 975.000 €.

Beneficiari del Bando Efficienza Energetica della Regione Lombardia

La misura finanzia micro e piccole imprese del settore ricettivo, iscritte e attive nel Registro delle Imprese da almeno 12 mesi, con codice Ateco primario o secondario ammesso 55.1, 55.2 e 55.3 riferito alla sede o all’unità locale oggetto dell’intervento.

Le imprese beneficiarie devono essere in regola con DURC e pagamento del diritto camerale e avere sede legale o operativa oggetto dell’intervento in una delle province lombarde afferenti le Camere di Commercio che finanziano il bando:

Bergamo (100.000 €)
Como-Lecco (55.000 €)
Cremona (20.000 €)
Mantova (50.000 €)
Milano Monza-Brianza Lodi (250.000 €)
Pavia (200.000 €)
Sondrio (150.000 €)
Varese (150.000 €)

Progetti ammessi alla misura

Il Bando efficientamento energetico finanzia gli interventi finalizzati a migliorare il livello di efficientamente energetico delle imprese lombarde del settore ricettivo.

Nello specifico, le spese ammesse sono quelle sostenute a partire dal 25 luglio 2022 e fino al 30 novembre 2023, relative alle seguenti tipologie di intervento che prevedono acquisto ed installazione di:

  • collettori solari termici e/o impianti di microcogenerazione;
  • impianti fotovoltaici per l’autoproduzione di energia con fonti rinnovabili da utilizzare nel sito produttivo;
  • macchinari e attrezzature funzionali all’attività dell’impresa in sostituzione dei macchinari e delle attrezzature in uso nella sede oggetto di intervento;
  • caldaie ad alta efficienza a condensazione, a biomassa ovvero pompe di calore in sostituzione delle caldaie in uso;
  • raffrescatori/raffreddatori evaporativi portatili o fissi che non richiedono l’utilizzo di fluidi refrigeranti in sostituzione di quelli in uso;
  • sistemi di domotica per il risparmio energetico e di monitoraggio dei consumi energetici;
  • apparecchi LED a basso consumo in sostituzione dell’illuminazione tradizionale (a fluorescenza, incandescenza o alogena, etc.);
  • costi per opere murarie, impiantistica e costi assimilati che costituiscono spesa ammissibile solo se direttamente correlati e funzionali all’installazione dei beni oggetto di investimento;
  • spese tecniche di consulenza correlate alla realizzazione dell’intervento (progettazione, direzione lavori, relazioni tecniche specialistiche comprese quelle richieste dalla presente misura nel rispetto dei requisiti di ammissibilità delle spese, contributi obbligatori dei professionisti, ecc.);
  • altri costi indiretti (spese generali).

Sono ammesse le spese di installazione, che l’acquisto di attrezzature tecnologiche tramite leasing finanziario purché il relativo contratto includa le seguenti condizioni:

  • obbligo delle parti di concretizzare il trasferimento della proprietà del bene a beneficio del soggetto utilizzatore, mediante il riscatto, alla ne della locazione (se tale aspetto non è riportato sul contratto è obbligatorio presentare un’auto-certificazione in tal senso) ed entro la conclusione del progetto;
  • è ammissibile solo la quota capitale dei canoni pagati nella misura e per il periodo in cui il bene è utilizzato nel periodo di ammissibilità delle spese.

Agevolazione prevista dal Bando Efficienza Energetica per le imprese ricettive lombarde

Il Bando efficientamento energetico per le imprese ricettive della Lombardia offre un contributo a fondo perduto pari al 50% delle spese ammissibili, di importo massimo pari 30.000 €.

Quando presentare domanda

Sarà possibile presentare domanda dalle ore 11.00 del 1° settembre 2022, fino alle ore 16.00 del giorno 31 ottobre 2022. Ciascuna impresa potrà presentare una sola richiesta di contributo.

I progetti saranno selezionati in base ad una procedura valutativa a graduatoria.

Il punteggio mimino è di 40 punti. I parametri oggetto di valutazione sono i seguenti:

  • coerenza con le finalità del bando,
  • capacità di generale efficienze energetica,
  • presenza di sistemi di certificazione ambientale, comprese le certificazioni energetiche.

Alla domanda dovrà essere allegata una relazione di un tecnico, iscritto al relativo ordine professionale competente per materia, che dettagli gli investimenti e/o le soluzioni impiantistiche da implementare con evidenza del risparmio energetico da conseguire, specificando i consumi energetici al momento della domanda e previsti con la realizzazione degli investimenti oggetto della domanda stessa.

 

Ricordiamo inoltre che l’intervento non è da confondere con la Linea Unioncamere Lombardia dedicata esclusivamente alle imprese turistiche, consultabile al seguente link: Bando Efficienza Energetica – contributi imprese del settore turistico.

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli incentivi per le imprese della Lombardia, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting