OCM Vino Lombardia, contributi per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti

Home - Lombardia - OCM Vino Lombardia, contributi per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti
ismea agricoltura ocm vino isi inail

OCM Vino Lombardia, contributi per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti

La “Misura ristrutturazione e riconversione dei vigneti” prevista dal programma nazionale OCM Vino, concede contributi per l’impianto di nuovi vigneti o la ristrutturazione di vigneti già esistenti per migliorare la qualità delle produzioni vitivinicole regionali.

Il Bando è biennale, approva le disposizioni applicative per la campagna vinicola 2020/2021, e ha l’obiettivo di sostenere i vigneti adatti alla produzione di vini DOC e IGP che valorizzano i vini di qualità legati al territorio.

Beneficiari della misura OCM Vino della Regione Lombardia

Possono beneficiare della Misura del Programma OCM Vino per la regione Lombardia gli imprenditori agricoli, ovvero:

  • impresa individuale iscritta al Registro delle Imprese della Camera di Commercio (sezione speciale “Imprenditori agricoli” o sezione “coltivatori diretti”);
  • società agricola iscritta al Registro delle Imprese della Camera di Commercio (sezione speciale “imprese agricole”);
  • società cooperativa iscritta all’albo delle società cooperative di lavoro agricolo, di trasformazione di prodotti agricoli propri o conferiti dai soci.

Le imprese beneficiarie devono avere aperto un fascicolo aziendale (asset aziendale) presso il Sistema informativo agricolo della Lombardia, essere conduttori di superficie vitata, oppure detenere autorizzazioni al reimpianto o diritto di impianto da convertire in autorizzazioni e superfici idonee all’impianto secondo quanto previsto dalla presente misura.

I vigneti oggetto della richiesta di aiuto devono essere regolarmente iscritti nello Schedario Regionale delle Superfici Vitate, presente sul Sistema informativo agricolo della Lombardia (Sis.Co).

Attività ammesse all’agevolazione OCM Vino

La misura sostiene la ristrutturazione e riconversione di vigneti idonei alla produzione di vini DOP o IGT, in base alle seguenti tipologie di intervento: A “riconversione varietale”, B “ristrutturazione” e C “miglioramento delle tecniche di gestione dei vigneti”.

A. riconversione varietale: reimpianto sullo stesso appezzamento o su un altro appezzamento (con o senza modifica del sistema) di una diversa varietà di vite di maggior pregio enologico, oppure di maggior valore commerciale. Gli interventi ammessi sono:

  • A.1 estirpazione e reimpianto di un vigneto nell’ambito della stessa azienda;
  • A.2 reimpianto con autorizzazione/diritto di reimpianto da convertire in autorizzazione;
  • A.3 sovrainnesto che si applica in vigneti di età inferiore o uguale a 15 anni con un numero di ceppi/ettaro uguale o superiore a 4.000;
  • A.4 impianto anticipato di un vigneto nell’ambito della stessa azienda.

B. ristrutturazione: diversa collocazione di un vigneto attraverso il reimpianto del vigneto stesso in una posizione più favorevole dal punto di vista agronomico, sia per l’esposizione che per ragioni climatiche ed economiche, oppure nell’impianto del vigneto sulla stessa particella ma con modifiche al sistema di coltivazione della vite. Nello specifico, le attività ammesse sono:

  • B.1 estirpazione e reimpianto di un vigneto nell’ambito della stessa azienda;
  • B.2 reimpianto con autorizzazione/diritto di reimpianto da convertire in autorizzazione;
  • B.3 sovrainnesto che si applica in vigneti di età inferiore o uguale a 15 anni con un numero di ceppi/ettaro uguale o superiore a 4.000;
  • B.4 impianto anticipato di un vigneto nell’ambito della stessa azienda.

C. miglioramento delle tecniche di gestione dei vigneti, anche attraverso operazioni di razionalizzazione degli interventi sul terreno e delle forme di coltivazione (ad esclusione della manutenzione ordinaria):

  • C1.1 modifica delle strutture di sostegno della vite;
  • C1.2 incremento della densità di impianto di almeno il 20%;
  • C1.3 incremento della densità di impianto e contestuale modifica delle strutture di sostegno.

Le spese devono essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda.

Agevolazione per la ristrutturazione dei vigneti

L’agevolazione prevista dalla misura OCM Vino Lombardia, viene erogata nelle seguenti forme:

    1. Compensazione per le perdite di reddito conseguenti all’esecuzione della Misura, pari a 3.000 € ad ettaro;
    2. Contributo pari al 50% dei costi di ristrutturazione e di riconversione, fino ad un massimo di 16.000 € (22.000 € per zone ad alta valenza ambientale e paesaggistica).

Scadenza misura OCM Vino

Per accedere all’agevolazione sarà possibile presentare domanda entro il 30 agosto 2020.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sulle agevolazioni per le imprese agricole, iscriviti alla nostra newsletter unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni