Nuova Sabatini: rifinanziamento pari a 600 milioni di euro per la misura

Home - Nazionale - Nuova Sabatini: rifinanziamento pari a 600 milioni di euro per la misura
nuova sabatini processi produttivi investimenti imprese beni strumentali rifinanziamento

Nuova Sabatini: rifinanziamento pari a 600 milioni di euro per la misura

Aggiornamento 2/07/2021 – Riapertura dello sportello Nuova Sabatini a partire dal 2 luglio, a seguito del rifinanziamento della misura.

In base alle disposizioni previste dal Decreto Direttoriale 2 luglio 2021 è possibile presentare nuove domande per la misura Nuova Sabatini a partire dal 2 luglio 2021, data del medesimo decreto, grazie allo stanziamento di nuove risorse finanziarie introdotte dal DL n°99 del 30 giugno.

Con il Decreto direttoriale è altresì disposto l’accoglimento delle prenotazioni pervenute nel mese di giugno 2021 e non soddisfatte per insufficienza delle risorse finanziarie. L’accoglimento di dette prenotazioni non richiede un ulteriore invio da parte delle banche. Inoltre, le domande trasmesse dalle imprese alle banche/ intermediari finanziari entro il 2 giugno 2021 e non incluse in una richiesta di prenotazione delle risorse già inviata dalle medesime banche/intermediari finanziari al Ministero dello sviluppo economico possono essere oggetto di prenotazione, da parte dei medesimi istituti, a partire dal 1° agosto 2021.

Aggiornamento 30/06/2021 – Rifinanziamento della misura Nuova Sabatini: 600 milioni di euro in dotazione.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo DL per il rifinanziamento della Nuova Sabatini. Per la misura saranno stanziati 600 milioni di euro.

La misura agevolativa “Nuova Sabatini” (detta anche “Beni Strumentali”), introdotta con il decreto legge 69/2013 e modificata dai successivi provvedimenti, incentiva le micro, piccole e medie imprese che acquistano (anche in leasing), attraverso un finanziamento bancario, beni strumentali nuovi ad uso produttivo, come macchinari, impianti, attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali.

Un’importante novità, introdotta con il nuovo Decreto Imprese (DL n° 99 del 30 giugno 2021), riguarda le domande di agevolazione presentate prima del 1° gennaio 2021 per le quali sia stata erogata già una prima quota di contributo. Il DL prevede per queste domande l’erogazione, secondo criteri cronologici, delle successive quote di contributo spettanti in un’unica soluzione, anche se non espressamente richieste dalle imprese beneficiarie, previo positivo esito delle verifiche amministrative propedeutiche al pagamento.

Si attendono ulteriori dettagli sulla riapertura dello sportello.

Agevolazione prevista dalla Nuova Sabatini

La Nuova Sabatini mette a disposizione un contributo in conto impianti pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di 5 anni. L’importo richiesto deve essere compreso tra i 20 mila e i 4 milioni di euro.

Il tasso di interesse annuo è diversificato in base alla tipologia di intervento:

  • 2,75% per gli investimenti ordinari (diversi da quelli Impresa 4.0);
  •  3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali, in ottica Impresa 4.0, e sistemi di tracciamento e pesatura rifiuti;
  • 3,575% per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuove di fabbrica ad uso produttivo, a basso impatto ambientale, nell’ambito di programmi finalizzati a migliorare l’ecosostenibilità dei prodotti e processi produttivi;
  • 5,5% per gli investimenti in tecnologie Impresa 4.0 delle micro e piccole imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Dal 1° gennaio l’erogazione del finanziamento richiesto dalle imprese alle banche verrà erogato in un’unica soluzione, mentre in precedenza il contributo veniva spalmato in sei quote annuali e indipendentemente dall’importo del finanziamento.

Chiusura del precedente sportello Nuova Sabatini  – aggiornamento 3/06/2021

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha disposto un decreto direttoriale per la chiusura dello sportello della Nuova Sabatini, a partire dal 2 giugno 2021, a seguito dell’esaurimento delle risorse finanziarie.

Il Decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 139 del 12 giugno 2021.

 

 

Per essere sempre aggiornato sulle misure per i beni strumentali, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Commento (%1$s)
Antonio / 08/07/2021

Ottima notizia!

Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting