Anticipazione Lombardia, “Nuova Impresa”: contributi per favorire l’avvio di nuove imprese e l’autoimprenditorialità in risposta alla crisi da Covid-19

Home - Lombardia - Anticipazione Lombardia, “Nuova Impresa”: contributi per favorire l’avvio di nuove imprese e l’autoimprenditorialità in risposta alla crisi da Covid-19
Modena Bando nuove imprese 2021

Anticipazione Lombardia, “Nuova Impresa”: contributi per favorire l’avvio di nuove imprese e l’autoimprenditorialità in risposta alla crisi da Covid-19

La Regione Lombardia ed il Sistema Camerale lombardo hanno stanziato una dotazione pari a 4.000.000 € per il bando “Nuova Impresa – Contributi per favorire l’avvio di nuove imprese e l’autoimprenditorialità in risposta alla crisi da Covid-19“, che sostiene la ripresa e il rilancio dell’economia lombarda fortemente colpita da chiusure e restrizioni causate dall’emergenza sanitaria, ma anche l’autoimprenditorialità quale opportunità di ricollocamento dei soggetti fuoriusciti dal mercato del lavoro.

In base alle anticipazioni, la misura offre un contributo a fondo perduto pari al 50% dei costi connessi alla creazione delle nuove imprese.

Beneficiari del bando Regione Lombardia “Nuova Impresa” 

Il bando della Regione Lombardia incentiva le micro, piccole e medie imprese (MPMI) del settore terziario, manifatturiero, del commercio (pubblici esercizi inclusi) e artigiani che aprono una nuova attività con sede legale e operativa in Lombardia dopo il 26/07/2021, che risultano in regola con l’iscrizione al Registro delle Imprese ed in regola con il DURC.

Se si tratta di nuove imprese artigiane devono essere iscritte alla sezione speciale del Registro Imprese delle Camere di Commercio.

Tipologie di investimenti ammessi al bando Nuova Impresa

I progetti ammessi al bando incentivano l’avvio di nuove imprese, dove per nuova attività si intende un nuovo soggetto giuridico come risultante dall’attribuzione del codice fiscale/Partita IVA da parte dell’Agenzia delle Entrate e non derivante da trasformazione di impresa esistente. Non si considera quindi “nuova impresa” l’attivazione di una nuova sede operativa sul territorio Lombardo da parte di imprese già esistenti.

Sono ammissibili le spese sostenute e quietanzate dopo il 26/07/2021 e fino alla data di presentazione della domanda di contributo relative a:

  • Onorari notarili e costi relativi alla costituzione d’impresa;
  • Onorari per prestazioni e consulenze relative all’avvio d’impresa, nei seguenti ambiti:
    • Marketing e comunicazione;
    • Logistica;
    • Produzione;
    • Personale, organizzazione, sistemi informativi e gestione d’impresa;
    • Contrattualistica;
    • Contabilità e fiscalità
  • Acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature/arredi nuovi, anche finalizzati alla sicurezza, incluse le spese per il montaggio/trasporto/manodopera e le relative opere murarie strettamente collegate. Le spese devono riguardare esclusivamente beni durevoli, non di consumo e strettamente funzionali all’attività svolta;
  • Acquisto di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud e saas e simili, brevetti e licenze d’uso sulla proprietà intellettuale (nella misura massima del 50% della spesa totale di progetto);
  • Acquisto di hardware (sono escluse le spese per smartphone e cellulari);
  • Registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e per le certificazioni di qualità e relative spese per consulenze specialistiche;
  • Canoni di locazione della sede legale e operativa della nuova impresa;
  • Sviluppo di un piano di comunicazione (progettazione del logo aziendale, progettazione e realizzazione sito internet, registrazione del dominio, progettazione piano di lancio dell’attività) e strumenti di comunicazione e promozione (es. messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google Ads, spese per materiali pubblicitari, etc);
  • Spese generali riconosciute in maniera forfettaria nella misura massima del 7% delle spese di cui ai precedenti punti.

L’importo di spesa minima è pari a 5.000 €.

Agevolazione per favorire l’avvio di nuove imprese e l’autoimprenditorialità

Il bando “Nuova Impresa” offre un contributo a fondo perduto fino al 50% della spesa ammissibile nel limite massimo di 10.000 €.

Scadenza bando “Nuova Impresa” della Regione Lombardia

Si attende la pubblicazione del bando per conoscerne modalità e termini per la presentazione delle domande.

Ciascuna impresa potrà presentare una sola domanda di agevolazione, mediante procedura a sportello.

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli incentivi dedicati alle imprese, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting