Emilia-Romagna: nuovo “Fondo Woman New Deal” e riapertura del “Fondo Starter”

Home - Emilia-Romagna - Emilia-Romagna: nuovo “Fondo Woman New Deal” e riapertura del “Fondo Starter”
smart working lavoro-familiglia family friendly start up imprese femminili

Emilia-Romagna: nuovo “Fondo Woman New Deal” e riapertura del “Fondo Starter”

La Regione Emilia-Romagna favorisce lo sviluppo e il consolidamento di start-up e di nuove attività imprenditoriali a conduzione femminile (ovvero con la maggioranza dei soci donne e professioniste), attraverso il Fondo StartER ed il Fondo Woman New Deal.

Il Fondo Woman New Deal è complementare al Fondo StartER ma ha una dotazione finanziaria interamente riservata ai contributi per sostenere le nuove imprese femminili.

Qui di seguito le specifiche per ciascuna misura.

Beneficiari e tipologie di investimenti finanziati dal Fondo StartER

Il Fondo StartER finanzia piccole imprese con sede operativa attiva in Emilia Romagna, dei settori manifatturiero, costruzioni, commercio, immobiliare, iscritte al Registro Imprese da non più di 5 anni ed in regola con il DURC.

La misura finanzia le seguenti tipologie di intervento:

  • Investimenti in innovazione produttiva e di servizio, sviluppo organizzativo, messa a punto dei prodotti e servizi da parte di piccole imprese che presentino potenzialità concrete di sviluppo, consolidamento e creazione di nuova occupazione sulla base di piani industriali, prioritariamente negli ambiti della S3, anche attraverso percorsi di rete;
  • Introduzione e uso efficace nelle piccole imprese di strumenti ICT nelle forme di servizi e soluzioni avanzate con acquisti di soluzioni customizzate di software e tecnologie innovative per la manifattura digitale.

Le spese ammesse sono quelle sostenute dopo la presentazione della domanda e relative a:

  • interventi su immobili strumentali: acquisto, ampliamento e/o ristrutturazione;
  • acquisto di macchinari, attrezzature, hardware e software, arredi strettamente funzionali;
  • acquisizione di brevetti, licenze, marchi, avviamento;
  • spese per partecipazione a fiere e interventi promozionali;
  • consulenze tecniche e/o specialistiche;
  • spese del personale adibito al progetto;
  • materiale e scorte;
  • costi di locazione dei locali adibito ad attività (risultante da visura come sede principale/unità locale);
  • spese per la produzione di documentazione tecnica necessaria per la presentazione della domanda, es. business plan (sostenute a partire da 6 mesi prima della presentazione della domanda).

Beneficiari e attività finanziate dal Fondo Woman New Deal

Il Fondo Woman New Deal incentiva micro, piccole imprese femminili e professioniste donne con sede operativa attiva in Emilia Romagna, iscritte al Registro Imprese da non più di 5 anni, con codice Ateco ammesso ed in regola con il DURC.

Le imprese femminili beneficiarie, nello specifico, sono:

  • società cooperative e di persone, costituite in misura non inferiore al 60% da donne;
  • società di capitali le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne;
  • imprese individuali gestite da donne, che operino nei settori dell’industria, dell’artigianato, dell’agricoltura, del commercio, del turismo e dei servizi.

Il Fondo Woman New Deal sostiene sia l’avvio e lo sviluppo dell’impresa che messa sul mercato di prodotti e servizi.

Le spese agevolabili, sostenute dopo la presentazione della domanda, sono: ristrutturazioni edilizie e adeguamenti funzionali; macchinari, attrezzature, impianti, hardware e software, arredi strettamente funzionali; acquisto brevetti, licenze e/o software da fonti esterne, noleggio strumentazioni; spese promozionali anche per partecipazione a fiere ed eventi; consulenze esterne specialistiche non relative all’ordinaria amministrazione; spese di avviamento e costi per la formazione; altre spese valutate coerenti alle priorità consentite e allo sviluppo del business plan aziendale.

Agevolazione prevista dalla misura “StartER” 

Il Fondo Starter offre un finanziamento a tasso agevolato per il 70% erogato su risorse pubbliche e il 30% messe a disposizione delle banche convenzionate, a copertura del 100% del progetto presentato.

  • durata compresa tra 36 e 96 mesi (incluso un preammortamento massimo di 12 mesi),
  • importo compreso tra un minimo di 20.000 € ad un massimo di 300.000 €;
  • interessi pari alla media ponderata fra i due seguenti tassi: tasso di interesse pari allo 0,00% per le risorse pubbliche e Euribor 6 mesi mmp
  • + spread massimo del 4,75% per la parte bancaria.

Agevolazione prevista dalla misura “Woman New Deal” dell’Emilia-Romagna

Il Fondo Woman New Deal invece prevede un contributo a fondo perduto, complementare al Fondo Starter, pari al 40% dei costi ammessi. Per una spesa minima di progetto non inferiore a 8.000 € e una spesa massima pari a 30.000 €.

Stante il limite minimo di 20.000 € di finanziamento, l’importo del contributo a fondo perduto si riduce in maniera proporzionale, come nell’esempio:

  • Importo progetto: 30.000 €
  • Contributo a fondo perduto effettivamente concedibile: 10.000 €
  • Importo finanziamento: 20.000 €

Come accedere al Fondo Starter e al Fondo Woman New Deal

Per accedere ai Fondi si potrà presentare domanda dalle ore 11.00 del 13 settembre alle ore 16.00 del 15 novembre 2021. I progetti saranno selezionati in base ad una procedura valutativa a sportello, per blocchi mensili.

L’azienda non può presentare più di 2 progetti e, in ogni caso, l’accoglimento del secondo è subordinato alla realizzazione del primo.

 

 

Per essere sempre aggiornato sui bandi dedicati alle imprese della Regione Emilia-Romagna, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting