Cultura Crea 2.0 e Cultura Crea Plus 2021: contributi per lo sviluppo delle iniziative culturali

Home - Nazionale - Cultura Crea 2.0 e Cultura Crea Plus 2021: contributi per lo sviluppo delle iniziative culturali
Cultura Crea 2021

Cultura Crea 2.0 e Cultura Crea Plus 2021: contributi per lo sviluppo delle iniziative culturali

Le misure Cultura Crea 2021 mettono a disposizione contributi destinati allo sviluppo di iniziative imprenditoriali nell’industria culturale, creativa e turistica nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Beneficiari dei contributi Cultura Crea 2021

Cultura Crea 2.0:

  • Nuove Imprese (Micro, piccole e medie imprese) dell’Industria culturale, costituite da non oltre 36 mesi alla data di presentazione della domanda;
  • Imprese (Micro, piccole e medie imprese) dell’industria culturale, costituite da non meno di 36 mesi alla data di presentazione della domanda;
  • Terzo settore nell’industria culturale.

Cultura Crea Plus:

  • Imprese (costituite da non oltre 36 o da non meno di 36 mesi dalla presentazione della domanda)operanti nel settore culturale e nel sistema dell’intermediazione turistica;
  • Enti del Terzo settore colpiti dall’emergenza Covid e operanti nel settore culturale e nel sistema dell’intermediazione turistica.

Spese ammissibili

Cultura Crea 2.0:

  • impianti, macchinari, attrezzature, arredi e mezzi mobili;
  • beni immateriali ad utilità pluriennale, limitatamente a programmi informatici, brevetti, licenze e marchi, nonché certificazioni, know how e conoscenze tecniche;
  • opere murarie, nel limite del 20% del programma di investimenti complessivamente ritenuto ammissibile e comunque nel limite del 10% del programma di spesa complessivamente ritenuto ammissibile incluse le spese di capitale circolante.
  • spese di capitale circolante, nel limite del 50%, quali materie prime, utenze, canoni di locazione, servizi, polizze, spese notarili, costo del lavoro.

Cultura Crea Plus:

  • materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti finiti utilizzati nel ciclo produttivo caratteristico dell’impresa;
  • utenze fornite su immobili, strumentali allo svolgimento dell’attività;
  • canoni di locazione relativi ad immobili destinati allo svolgimento dell’attività;
  • prestazioni di servizi e prestazioni professionali connesse all’attività produttiva del soggetto beneficiario;
  • costo del lavoro dipendente, con esclusione dei contratti di tirocinio e stage, che non benefici di alcun’altra agevolazione;
  • spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari, per esigenze connesse alle attività dell’impresa;
  • spese per l’apertura del conto corrente bancario dedicato alle spese richieste.

Agevolazione e scadenza

Cultura Crea 2.0:

  • Nuove Imprese dell’Industria culturale: l’investimento massimo ammissibile è di 400.000,00 euro, le agevolazioni (finanziamento agevolato a tasso zero e contributo a fondo perduto) sono concesse per un importo non superiore all’80% della spesa ammessa elevabile al 90% nel caso di impresa femminile, o giovanile o avente rating di legalità. Il finanziamento agevolato, rimborsabile in 8 anni oltre ad 1 anno di preammortamento, è pari al massimo al 40% della spesa ammessa elevabile al 45% nei casi in cui le agevolazioni arrivino al 90%. Stesse percentuali, riguardano il fondo perduto: 40% elevabile al 45% nei casi in cui le agevolazioni sono elevabili al 90%.
  • Imprese dell’industria culturale: l’investimento massimo ammissibile di 500.000,00 euro, le agevolazioni (finanziamento agevolato a tasso zero e contributo a fondo perduto) sono concesse per un importo non superiore all’80% della spesa ammessa elevabile al 90% nel caso di impresa femminile, o giovanile o avente rating di legalità. Il finanziamento agevolato ottenibile, rimborsabile in 8 anni oltre ad 1 anno di preammortamento, è al massimo del 60% della spesa ammessa, elevabile al 65% nei casi sopra descritti; il contributo a fondo perduto è pari al 20% elevabile al 25% nei suddetti casi.
  • Imprese dell’industria culturale: l’investimento massimo ammissibile è di 400.000,00 euro, l’ incentivo ottenibile è esclusivamente a fondo perduto potendo arrivare fino all’80% elevabile al 90% in caso il soggetto richiedente sia qualificabile come impresa ed abbia le caratteristiche di impresa femminile o impresa giovanile.
    o sia in possesso del rating di legalità.

Procedura valutativa a sportello, domande a partire dalle ore 12.00 del giorno 26 aprile 2021.

Cultura Crea Plus:

Previsto contributo a fondo perduto pari al 100% dell’investimento fino ad un totale massimo di 25.000,00.

Procedura valutativa a sportello, aperto a partire dalle ore 12.00 del 19 Aprile 2021.

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli incentivi dedicati alle start up, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting