Contributi per l’internazionalizzazione delle imprese dell’Umbria

Home - Umbria - Contributi per l’internazionalizzazione delle imprese dell’Umbria
export internazionalizzazione parma
in

Contributi per l’internazionalizzazione delle imprese dell’Umbria

Sviluppumbria Spa, organismo della Regione Umbria, ha pubblicato l’ “Avviso pubblico per la presentazione di progetti di internazionalizzazione mediante la partecipazione a fiere internazionali che si svolgono dal 1/09/2019 al 31/03/2020“, in attuazione alle disposizioni contenute nell’Azione 3.3.1. “Progetti di promozione dell’export destinati a imprese e loro forme aggregate individuate su base territoriale o settoriale” dell’Asse III del programma POR FESR 2014-2020.

L’incentivo regionale ha lo scopo di favorire la competitività, la promozione dell’export e i processi di internazionalizzazione, sostenendo la partecipazione a fiere delle imprese localizzate sul territorio umbro, che si presentano in forma singola sui mercati internazionali.

Le risorse finanziarie disponibili per il presente Avviso ammontano a 500.000 €.

Beneficiari del Bando per l’internazionalizzazione

All’agevolazione possono accedere micro, piccole, medie imprese e liberi professionisti, che svolgano attività nel territorio dell’Umbria.

Tipologie di interventi ammessi alla misura POR FESR Umbria 2014-2020

Gli investimenti ammessi ai progetti per l’internazionalizzazione riguardano la partecipazione da 1 a 4 (numero massimo) fiere internazionali, per sostenere lo sviluppo verso i mercati esteri. Sono ammesse al bando le fiere che svolte – o che si svolgeranno – in Italia e all’estero, tra il 1° settembre 2019 e il 31 marzo 2020.

L’impresa beneficiaria può presentare solo 1 domanda corrispondente al proprio progetto di internazionalizzazione. I progetti devono prevedere la partecipazione a 1 o più fiere, con svolgimento in data successiva alla presentazione della domanda, tenuto conto che:

  • se il progetto di internazionalizzazione prevede la partecipazione a 2 o più fiere potrà essere ammessa la richiesta di partecipazione a una sola fiera, svolta in data antecedente a quella di presentazione della Domanda;
  • se il progetto di internazionalizzazione prevede solamente la partecipazione a 1 fiera, svolta in data antecedente la presentazione della domanda, la domanda sarà considerata non ammissibile.

Tipologie di fiere internazionali ammesse (in linea con il Programma di Internazionalizzazione approvato con DGR 1393/2018 dalla Regione Umbria):

  • fiere internazionali in Italia individuate dal Comitato delle Regioni a valenza internazionale;
  • fiere internazionali di settore che si svolgono all’estero.

Il carattere internazionale dell’evento sarà verificato, attraverso la consultazione dei siti ufficiali degli Enti Fiera, sulla base della percentuale di visitatori esteri. In caso di assenza dell’informazione, si calcolerà la percentuale degli espositori esteri che dovrà essere pari ad almeno il 15% del totale rispetto al numero di visitatori o espositori (dichiarato dall’Ente fiera).

Sono escluse dall’agevolazione, le spese relative alla partecipazione a fiere collettive finanziate con fondi pubblici quali, ad esempio, la partecipazione a collettive realizzate e finanziate da ICE o dalle Camere di Commercio.

Agevolazione dedicata ai progetti di internazionalizzazione delle imprese 

Il bando mette a disposizione un contributo a fondo perduto per ciascuna fiera ammissibile, corrispondente ad un costo standard semplificato, determinato in base al paese di svolgimento della fiera, alla durata dell’evento e ai giorni di partecipazione del beneficiario alla fiera.

In modo esemplificativo, il contributo per ogni giorno della durata dell’evento (fino ad un massimo di 5 giorno) è pari a 1.600 € per le fiere internazionali in Italia e 2.000 € per le fiere internazionali all’estero. L’importo massimo riconosciuto per ogni fiera è pari a 8.000 €, se svolta in Italia, o 10.000 € se svolta all’estero.

Come partecipare al bando della Regione Umbria

Sarà possibile presentare domanda fino alle ore 13:00 del 31 dicembre 2019, salvo chiusura anticipata per esaurimento delle risorse disponibili.

La procedura di assegnazione del contributo sarà di tipo “valutativa a sportello” e l’incentivo per singola domanda verrà determinato in base al raggiungimento di un punteggio di merito pari ad almeno punti 7 (6 punti per i liberi professionisti) e per l’ordine cronologico di arrivo, fino ad esaurimento della dotazione finanziaria.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi per l’internazionalizzazione delle imprese dell’Umbria, iscriviti alla nostra newsletter.

 

 

Regione Umbria: incentivi per l’innovazione digitale delle imprese

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni