PID, CCIAA Verona: Bando Voucher Digitali Impresa 4.0

Home - Veneto - PID, CCIAA Verona: Bando Voucher Digitali Impresa 4.0
transizione digitale emilia romagna PID Forlì Cesena Rimini 2022 digitalizzazione treviso belluno voucher digitali firenze reggio emilia 2022 verona piemonte monte rosa
in

PID, CCIAA Verona: Bando Voucher Digitali Impresa 4.0

La Camera di Commercio di Verona ha stanziato 1.200.000 € per il “Bando voucher digitali Impresa 4.0 – Anno 2022“, misura a sostegno dei processi di digitalizzazione delle MPMI del territorio, in linea con il programma Punto Impresa Digitale – PID.

Gli obiettivi del bando sono i seguenti:

  • promuovere l’utilizzo, da parte delle MPMI veronesi, di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0;
  • favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla ripartenza nella fase post- emergenziale,
  • sviluppare la capacità di collaborazione tra MPMI, tra esse stesse e soggetti altamente qualificati nel campo dell’utilizzo delle tecnologie I4.0, attraverso la realizzazione di progetti mirati all’introduzione di nuovi modelli di business 4.0 e modelli green oriented.

Beneficiari del Bando PID della CCIAA di Verona

Il Bando Voucher Digitali finanzia micro, piccole e medie imprese di tutti i settori economici, con sede legale e/o unità locale in provincia di Verona. Le imprese beneficiarie devono essere attive ed in regola con le iscrizioni al Registro delle imprese e/o REA e agli Albi, Ruoli e Registri camerali, obbligatori per le relative attività; in regola con il Durc e il pagamento del diritto annuale e non essere in difficoltà alla data del 31/12/2019.

Tipologie di investimenti ammessi al Bando Voucher Digitali Impresa 4.0

La misura finanzia progetti di digitalizzazione finalizzati all’introduzione di servizi tecnologici I4.0, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi:

  • robotica avanzata e collaborativa,
  • interfaccia uomo-macchina,
  • manifattura additiva e stampa 3D,
  • prototipazione rapida,
  • internet delle cose e delle macchine,
  • cloud, fog e quantum computing,
  • cyber security e business continuity,
  • big data e analytics,
  • intelligenza artificiale,
  • blockchain,
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D),
  • simulazioni e sistemi cyberfisici,
  • integrazione verticale e orizzontale,
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain,
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc),
  • sistemi di e-commerce,
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro,
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale legate all’emergenza sanitaria,
  • connettività a Banda Ultralarga,
  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet e fintech,
  • sistemi EDI, electronic data interchange,
  • geolocalizzazione,
  • tecnologie per l’in-store customer experience,
  • system integration applicata all’automazione dei processi,
  • tecnologie della Next Production Revolution (NPR),
  • programmi di digital marketing,
  • soluzioni tecnologiche per la transizione economica.

Sono previste 2 Linee di intervento in base alla soglia di spesa:

  • Linea A per investimenti da 2.000 € a 19.999,99 € (spesa minima 2.000 €)
  • Linea B per investimenti pari o superiori a 20.000 € (spesa minima 20.000 €)

Le spese sono ammesse alla misura se fatturate a partire dal 1° gennaio 2022 e fino al 31 dicembre 2022, oltre a riguardare le seguenti tipologie di investimento:

  • servizi di consulenza e/o formazione relativi a una o più delle tecnologie elencate,
  • acquisto di beni e servizi strumentali, inclusi dispositivi e spese di connessione, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti.

In fase di presentazione della domanda sarà necessario specificare il riferimento a quali ambiti tecnologici si riferisce la spesa.

Agevolazione prevista dal Bando PID della CCIAA di Verona

La misura offre un contributo a fondo perduto, sotto forma di voucher, pari al 50% della spese ammissibile. L’importo massimo varia in base alle linee di intervento:

  • Linea A: fino ad un valore massimo di voucher totale pari a 7.000 €. In caso di impresa femminile o giovanile la somma concessa potrà raggiungere l’importo massimo di 8.000 €.
  • Linea B: fino ad un valore massimo del voucher totale pari a 15.000 €. Se si tratta di impresa femminile o giovanile la somma concessa può raggiungere fino a 16.000 € di importo.

Sarà inoltre riconosciuta una premialità pari a 100 € alle imprese in possesso del Rating di Legalità.

Scadenza del Bando PID Verona

Lo sportello per presentare domanda aprirà dalle ore 9:00 dell’8 giugno alle ore 16:00 del 13 giugno 2022.

L’ordine di precedenza in graduatoria, sia per la Linea A che la Linea B, è determinato dall’ordine cronologico di trasmissione delle domande.

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli incentivi per la digitalizzazione dedicati alle imprese, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

 

PID, CCIAA Reggio Emilia: Bando voucher digitali Impresa 4.0 – Anno 2022


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting