Anticipazione, Regione Lombardia: contributi alle imprese per la produzione di DPI e attrezzature biomedicali per far fronte all’emergenza da Covid-19

Home - Covid-19 - Anticipazione, Regione Lombardia: contributi alle imprese per la produzione di DPI e attrezzature biomedicali per far fronte all’emergenza da Covid-19
dm dpi sicurezza covid 19

Anticipazione, Regione Lombardia: contributi alle imprese per la produzione di DPI e attrezzature biomedicali per far fronte all’emergenza da Covid-19

La Regione Lombardia intende sostenere le micro, piccole e medie imprese del territorio che riconvertiranno le unità produttive per la produzione di dispositivi per la protezione individuale (DPI) e altre attrezzature e dispositivi medici (DM) necessari per fronteggiare l’emergenza da Covid-19.

Il bando è in attesa di pubblicazione, le modalità e la data di apertura dello sportello per la presentazione delle domande saranno pubblicate entro 30 giorni decorrenti dall’approvazione della delibera (5 maggio 2020).

La dotazione finanziaria del Bando “Contributi a fondo perduto per la produzione di dispositivi e attrezzature della filiera biomedicale, di mascherine chirurgiche e di protezione individuale per far fronte all’emergenza da Covid-19” ammonta a 10 milioni di euro.

Beneficiari del Bando per la riconversione di attività per la produzione di DPI e DM

La misura intende sostenere micro, piccole e medie imprese, appartenenti al settore manifatturiero (Sezione C) e dell’artigianato (iscritta alla Sezione Speciale), con sede legale e/o operativa attiva in Lombardia, che convertiranno o amplieranno la propria attività al fine di produrre DPI e DM.

Le imprese che produrranno mascherine chirurgiche, DPI e DM dovranno essere:

  • in possesso di certificazione rilasciata da un ente certificatore secondo la normativa vigente,
  • in possesso dell’attestazione di conformità rilasciata da un ente di certificazione secondo la normativa vigente.

Le PMI beneficiarie non devono essere imprese in difficoltà alla data del 31 dicembre 2019. Inoltre, sono escluse dall’agevolazione le imprese alle quali è stato concesso il contributo da Invitalia previsto dal Decreto Cura Italia (Art. 5 del DL 18/2020).

Agevolazione per le imprese che riconvertiranno le attività per realizzare mascherine e DPI

Il Bando per la riconversione delle attività produttive in favore di DPI e DM delle imprese lombarde, mette a disposizione un contributo a fondo perduto pari al 75% della spesa ammissibile, fino ad un importo massimo di:

  • 500.000 € se l’investimento si conclude e avvia la produzione entro i 30 giorni dalla data di pubblicazione del bando;
  • 400.000 € se l’investimento si completa e si avvia la produzione entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del bando;
  • 300.000 € se l’investimento si conclude e la produzione entro 90 giorni dalla data di pubblicazione del bando.

Tipologie di attività ammesse all’agevolazione

La misura incentiva l’ampliamento e la riconversione delle attività d’impresa al fine di produrre dispositivi medici e dispositivi di protezione individuale e fronteggiare l’ingente domanda di DPI e DM durante la “Fase 2”.

Gli interventi ammessi sono quindi relativi a:

  • ampliamento della capacità delle medesime unità produttive già adibite alla produzione di mascherine chirurgiche, mascherine filtranti, dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi medici;
  • riconversione delle unità produttive finalizzata alla produzione di mascherine chirurgiche, mascherine filtranti, dispositivi di protezione individuale e altri dispositivi medici.

Le spese sostenute prima della presentazione della domanda sono ammesse solo se sono state effettuate in seguito alla data di pubblicazione del DPCM dell’8 marzo 2020.

Spese ammesse al Bando per la riconversione di attività per la produzione di DPI e DM

Gli investimenti ammessi al Bando per la riconversione delle attività al fine di produrre dispositivi come mascherine, occhiali, camici e tute di sicurezza, devono essere sostenuti dopo l’8 marzo 2020. Le spese sono relative ai costi per:

  • acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature (inclusi costi di collaudo e formazione connessa all’introduzione e all’utilizzo degli stessi);
  • opere murarie, strettamente necessarie all’installazione dei macchinari e adeguamento della relativa impiantistica;
  • programmi informatici in relazione alle esigenze produttive e gestionali dell’azienda, connessi all’investimento dei macchinari;
  • test di laboratorio e certificazione di DM e DPI;
  • altre voci di spese generali

L’importo di investimento minimo è pari a 40.000 €.

Scadenza del Bando per le imprese della Lombardia

Il Bando è in attesa di pubblicazione (previsto entro metà giugno), seguiranno aggiornamenti su tempistiche e modalità di accesso allo sportello. L’impresa potrà presentare domanda di contributo solo dopo la conclusione dell’investimento e dei lavori di installazione.

Il termine ultimo per la presentazione delle domande è previsto per il 15 ottobre 2020, salvo chiusura anticipata per esaurimento dei fondi, ma si attendono conferme con la pubblicazione della misura. La procedura sarà di tipo valutativa a sportello con graduatoria finale, i progetti saranno ammessi secondo l’ordine cronologico di invio della domanda.

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli incentivi dedicati alle imprese della Lombardia, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni