Incentivi per l’adeguamento sismico degli edifici ad uso produttivo in Emilia-Romagna (Ordinanza 4/2020)

Home - Emilia-Romagna - Incentivi per l’adeguamento sismico degli edifici ad uso produttivo in Emilia-Romagna (Ordinanza 4/2020)
ricostruzione sisma terremoto

Incentivi per l’adeguamento sismico degli edifici ad uso produttivo in Emilia-Romagna (Ordinanza 4/2020)

Con l’Ordinanza 4, la Regione Emilia-Romagna riaprirà dal 1° giugno lo sportello della misura dedicata agli interventi di miglioramento sismico degli edifici a destinazione produttiva, danneggiati dal sisma del maggio 2012. Lo sportello rimarrà aperto fino al 31 dicembre 2020, salvo chiusura anticipata per esaurimento fondi.

L’Ordinanza 4 del 2020 “Finanziamento degli interventi di miglioramento sismico finalizzati al raggiungimento almeno al 60% della sicurezza richiesta ad edifici nuovi a destinazione produttiva insediati nei territori colpiti dal sisma del maggio 2012” modifica ed estende i termini per la rendicontazione delle spese della precedente Ordinanza 24/2019, viste le persistenti difficoltà delle imprese (aggravate dall’emergenza sanitaria) nel completamento dei lavori.

Beneficiari: imprese colpite dal sisma in Emilia-Romagna

I finanziamenti si rivolgono a micro, piccole, medie e grandi imprese dell’Emilia Romagna. La sede legale o operativa deve essere nei Comuni colpiti dal sisma del maggio 2012, che esercitano o esercitavano l’attività all’interno dell’immobile al momento del sisma. Sono ammessi tutti i settori Ateco, ad eccezione della Sezione A (Agricoltura e Pesca).

I beneficiari devono essere in possesso di uno dei seguenti diritti: proprietà o usufrutto, affitto (il contratto deve prevedere che le spese ordinarie e straordinarie siano a carico dell’affittuario), leasing e comodato gratuito (le spese siano a carico dell’utilizzatore).

Tipologie di attività ammesse ai finanziamenti per le imprese danneggiate dal sisma del 2012

Il contributo per il miglioramento sismico degli edifici ad uso produttivo, finanzia le seguenti tipologie di spese:

  • opere necessarie al miglioramento sismico (massimo euro 300/mq di superficie netta produttiva)
  • spese tecniche di progettazione, esecuzione, direzione lavori, verifica e collaudo, rilascio agibilità sismica e spese di presentazione domanda (fino ad un massimo del 10% dei costi)

L’investimento minimo per ottenere il finanziamento della Regione Emilia Romagna deve essere pari ad almeno 4.000 €. I lavori di miglioramento sismico dovranno terminare entro il 31 marzo 2021, mentre la rendicontazione della spesa deve essere sostenuta entro il 30 giugno 2021.

Agevolazione per il miglioramento sismico prevista dall’Ordinanza 4 del 2020

La Regione Emilia-Romagna sostiene le imprese del territorio colpite dal sisma, con un contributo a fondo perduto pari al 70% della spesa ammissibile, fino ad un massimo di 149.000 €.

Scadenza del Bando per la ristrutturazione delle imprese dell’Emilia-Romagna colpite dal sisma

Lo sportello per la presentazione delle domande aprirà dal 1° giugno al 31 dicembre 2020, salvo esaurimento anticipato dei fondi.

 

 

Per essere sempre aggiornato sugli incentivi dedicati alle imprese dell’Emilia-Romagna, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni