CCIAA Bologna: contributi per lo “start up” di nuove imprese

Home - Emilia-Romagna - CCIAA Bologna: contributi per lo “start up” di nuove imprese
start up innovative

CCIAA Bologna: contributi per lo “start up” di nuove imprese

Il nuovo bando “Contributi a sostegno dell’avvio d’impresa anno 2019” della Camera di Commercio di Bologna sostiene start up e nuove imprese nella fase di avvio dell’attività, con particolare riguardo a quelle rientranti nella definizione di “imprese femminili” e di “imprese giovanili“.

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese, con sede legale e/o unità locale nell’area metropolitana di Bologna, iscritte al Registro Imprese a partire dal 1° gennaio 2019.

Tipologie di attività ammesse al Bando per le start up di Bologna

La misura incentiva la creazione e lo sviluppo di nuove imprese, localizzate nell’area metropolitana di Bologna, sostenendo le spese necessarie nella fase di start up. Il Bando “Contributi a sostegno dell’avvio di impresa” finanzia le spese relative a:

  • Onorari notarili
  • Acquisto/noleggio o leasing di beni nuovi: impianti, macchinari e attrezzature, hardware, arredamenti ed automezzi;
  • Acquisto licenze d’uso, noleggio di software gestionale/professionale;
  • Spese per la realizzazione di reti telematiche, compreso acquisto del materiale informatico/elettrico, fatturate da imprese specializzate;
  • Acquisizione di brevetti e diritti di licenza con esclusione di qualsiasi onere per consulenza;
  • Costi per il deposito di marchi e brevetti in Italia e all’estero già depositati al momento della domanda;
  • Spese per la formazione del personale;
  • Costi per acquisizione di certificazioni;
  • Spese di pubblicità (messaggi pubblicitari su radio, tv, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, piattaforme di pubblicità online);
  • Costi per la realizzazione di materiale promozionale (brochure, depliants, cataloghi e gadget);
  • Spese per la prima progettazione e realizzazione del sito aziendale;
  • Costi relativi alle quote iniziali del contratto di franchising;
  • Spese di affitto locali aziendali (per un periodo massimo di 6 mensilità);
  • Spese relative alle utenze (per un periodo massimo di 6 mesi);
  • Costi relativi ai canoni del contratto di affitto dell’azienda o di un ramo d’azienda (per il periodo dal 1/1/2019 al 30/6/2020);
  • Spese di consulenza per la realizzazione di business plan.

Sono ammesse al bando, le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2019 fino al 30 giugno 2020, che prevedono un investimento minimo pari ad almeno euro 3.000 €.

Agevolazione prevista dal Bando della Camera di Commercio di Bologna

La misura prevede un contributo in conto capitale pari al 50% delle spese, fino ad un importo massimo di euro 30.000 €. Gli incentivi sono assegnati con priorità alle imprese giovanili (18-35 anni) e femminili.

Scadenza del bando dedicato alle start up di Bologna

Lo sportello per presentare domanda per il bando a sostegno dello “start up” delle imprese bolognesi, aprirà alle ore 9.00 del 16 settembre e chiuderà alle ore 15.00 del 15 ottobre 2019.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni