CCIAA Brescia, Bando per start up d’impresa: contributo per la nuova imprenditorialità bresciana

Home - Lombardia - CCIAA Brescia, Bando per start up d’impresa: contributo per la nuova imprenditorialità bresciana
imprenditoria femminile veneto imprese giovanili nuove imprese start up

CCIAA Brescia, Bando per start up d’impresa: contributo per la nuova imprenditorialità bresciana

La CCIAA Brescia ha stanziato un fondo di 370.000 € per il Bando Start Up d’impresa, misura che offre un contributo allo scopo di incentivare e promuovere la nuova imprenditorialità bresciana, in modo particolare le start-up giovanili e femminili del territorio.

Beneficiari del Bando Start Up d’impresa

La misura della Camera di Commercio di Brescia sostiene le micro, piccole e medie imprese (MPMI) appartenenti a tutti i settori economici, oltre alle nuove imprese e cooperative femminili e/o giovanili, iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio e aventi sede e/o unità locale operativa nella provincia di Brescia nel periodo 1.01.2021 31.12.2021. Le imprese beneficiarie devono essere in regola con il Durc e con il diritto camerale annuale.

Si considerano imprese femminili:
1. le imprese individuali in cui il titolare è una donna;
2. le società di persone o le società cooperative in cui la maggioranza dei soci è costituita da donne o la maggioranza delle quote di capitale è detenuta da donne;
3. le società di capitali in cui la maggioranza dei componenti dell’organo di amministrazione è costituita da donne o la maggioranza delle quote di capitale è detenuta da donne;
4. i consorzi composti dal 51% o più da imprese femminili come sopra definite.

Si considerano imprese giovanili:
1. le imprese individuali con titolare di età non superiore a 40 anni;
2. le società di persone o le società cooperative in cui almeno il 60% dei soci è costituito da persone fisiche di età non superiore a 40 anni o almeno il 60% delle quote di capitale è detenuto da persone fisiche di età non superiore a 40 anni;
3. le società di capitali in cui almeno il 60% dei componenti dell’organo di amministrazione è costituito da persone fisiche di età non superiore a 40 anni o almeno il 60% delle quote di capitale è detenuto da persone fisiche di età non superiore a 40 anni;
4. i consorzi composti dal 51% o più da imprese giovanili come sopra definite.
Per persone fisiche di età non superiore a 40 anni si intendono coloro che, alla data di presentazione della domanda di contributo, non hanno compiuto il quarantunesimo anno di età.

Tipologie di spese ammesse al bando CCIAA di Brescia

Spese sostenute nel periodo 1.1.2021 – 31.12.2021, con relativo pagamento in misura completa (al netto di I.V.A.), relative a:

  • onorari notarili e costi relativi alla costituzione d’impresa (al netto di tasse, imposte, diritti e bolli anticipate dal notaio/consulente);
  • onorari di professionisti per prestazioni e consulenze relative all’avvio d’impresa, nei seguenti ambiti:
    • marketing;
    • logistica;
    • produzione;
    • personale, organizzazione e sistemi informativi;
    • contrattualistica.
  • acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature/arredi nuovi, incluse le spese per il montaggio/trasporto/manodopera e realizzazione di strutture, anche in muratura, strettamente collegate. Le spese devono riguardare esclusivamente beni durevoli, non di consumo e strettamente funzionali all’attività svolta;
  • automezzi nuovi di unica immatricolazione intestati all’impresa, risultanti fra i cespiti di bilancio e indispensabili allo svolgimento dell’attività;
    impianti generali incluso montaggio/manodopera per un importo massimo pari al 50% del totale dell’investimento complessivamente ammesso;
    sono escluse le realizzazioni “fai da te” documentate solo con acquisti di materiale;
  • quote iniziali del contratto di franchising, nel limite del 40% del totale dell’investimento complessivamente ammesso;
  • acquisto e sviluppo di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali inerenti all’attività dell’impresa (escluso canoni
    abbonamento);
  • acquisto di hardware (sono escluse le spese per smartphone e cellulari);
  • registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e relative spese per consulenze specialistiche;
    • spese di pubblicità limitatamente ai seguenti casi: messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google AdWords (costi di pubblicazione inclusi);
    • sviluppo di un piano di comunicazione (progettazione del logo aziendale,
    progettazione e realizzazione sito internet, registrazione del dominio,
    progettazione piano di lancio dell’attività)
    • spese per la realizzazione di materiale promozionale limitatamente ai seguenti casi: brochure, dépliant, cataloghi.
    Spesa minima ammissibile pari a euro 2.000,00.

Agevolazione del bando a sostegno delle start up bresciane

Il Bando Startup d’impresa della CCIAA di Brescia prevede un contributo pari al 50% delle spese sostenute, fino ad importo massimo di 5.000 €.

Scadenza del Bando Start Up d’impresa 

Lo sportello per la presentazione delle domande aprirà dal 16 al 23 febbraio 2022.

 

 

Per rimanere sempre aggiornato sugli incentivi per le impreseiscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni

Gruppo Del Barba Consulting