Bandi POR FESR Abruzzo: incentivi per investimenti innovativi e progetti di ricerca in ambito S3

Home - Abruzzo - Bandi POR FESR Abruzzo: incentivi per investimenti innovativi e progetti di ricerca in ambito S3
Abruzzo por fesr centro italia

Bandi POR FESR Abruzzo: incentivi per investimenti innovativi e progetti di ricerca in ambito S3

La Regione Abruzzo ha pubblicato 2 avvisi relativi ai Bandi POR FESR 2014-2020 che finanziano sia gli investimenti relativi a macchinari e impianti finalizzati alla ristrutturazione aziendale, sia i progetti di ricerca e sviluppo per migliorare i processi produttivi in ambito RIS3.

Avviso pubblico per Aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili e accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale

La misura sostiene la competitività delle imprese, attraverso la realizzazione di nuovi prodotti (che costituiscono una novità per l’impresa e/o per il mercato) e l’innovazione dei processi produttivi.

L’agevolazione è dedicata a micro, piccole e medie imprese, con sede legale o operativa in Abruzzo, attive ed iscritte presso la CCIAA territorialmente competente. Le imprese beneficiarie devono avere Codice Ateco primario ammesso relativo al settore manifatturiero, costruzioni, commercio, alloggio e ristorazione e servizi.

Gli investimenti innovativi ammessi all’agevolazione sono finalizzati a:

  • creare un prodotto nuovo per l’impresa e/o per il mercato;
  • innovare il processo produttivo in corso mediante cambiamenti di tecniche, attrezzature e/o software capaci di ridurre i costi ed aumentare la capacità produttiva.

Sono esclusi gli investimenti meramente sostitutivi e le attività di routine.

Le spese ammesse, sostenute dal 6 marzo 2020 ed entro 12 mesi dalla pubblicazione della graduatoria, sono relative a:

  • macchinari, impianti ed attrezzature nuovi, compresi quelli i mezzi mobili;
  • opere murarie ed impiantistiche necessarie per l’installazione ed il collegamento dei nuovi macchinari e/o impianti;
  • programmi informatici, brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate;
  • servizi di consulenza nell’ambito gestionale, assistenza tecnologica, trasferimento tecnologico, proprietà intellettuale, acquisiti da fonti esterne;
  • perizia giurata rilasciata da un tecnico abilitato;
  • fideiussione bancaria o polizza assicurativa.

L’investimento minimo deve essere pari ad almeno 70.000 €. Sono esclusi dall’agevolazione i beni usati o leasing.

L’agevolazione mette a disposizione un contributo a fondo perduto, fino al 50% della spesa ammessa.

Lo sportello per la presentazione della domanda aprirà dal 6 marzo al 31 maggio 2020. I progetti verranno selezionati in base ad una valutazione a graduatoria. Ciascuna impresa può presentare 1 sola domanda di partecipazione.

Avviso pubblico per il sostegno a progetti di ricerca delle imprese che prevedono l’inserimento di ricercatori nelle aree di specializzazione S3

L’agevolazione sostiene l’inserimento di ricercatori negli ambiti di specializzazione S3 per il miglioramento dei processi produttivi, negli ambiti tecnologici. I beneficiari del bando sono piccole, medie e grandi imprese con sede operativa attiva in Abruzzo, o che avvieranno l’attività su territorio abruzzese entro la data di prima erogazione del contributo.

Sono ammessi all’agevolazione i progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale che prevedono l’impiego di ricercatori nelle imprese, in linea con la “Strategia Regionale di Ricerca e Innovazione per la Specializzazione intelligente” – RIS3 Abruzzo relativa ai settori automotive, meccatronica, agrifood, scienze della vita, moda-design, ICT, aerospazio. L’attività dovrà concludersi entro 30 mesi dalla data di pubblicazione della graduatoria.

Le spese ammesse devono essere successive alla data di presentazione della domanda e riguardano:

  • personale dipendente: ricercatori (dottori di ricerca e laureati magistrali con profili tecnico-scientifici), nella misura in cui sono assunti e impiegati esclusivamente nel progetto di ricerca, fino ad massimo di 24 mesi e per un importo non superiore a 46.440 € annui lordi. Le spese per il personale devono obbligatoriamente essere pari ad almeno il 70% dei costi;
  • consulenza specialistica di natura tecnico-scientifica a sostegno delle attività svolte dai ricercatori;
  • spese generali funzionali alle attività svolte dai ricercatori.

L’importo di spesa minimo deve essere pari a 92.880 €, mentre la spesa massima di 400.000 €.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto, secondo le seguenti intensità di aiuto per tipo di intervento e dimensione dell’impresa:

Ricerca industriale

  • 70% per piccole imprese
  • 60% per medie imprese
  • 50% per grandi imprese

Sviluppo sperimentale

  • 45% per piccole imprese
  • 35% per medie imprese
  • 25% per grandi imprese

Lo sportello per accedere al bando per progetti di ricerca della Regione Abruzzo, aprirà dal 6 marzo al 31 maggio 2020.

 

 

Per essere sempre aggiornato sui contributi a fondo perduto per le imprese dell’Abruzzo, iscriviti alla nostra newsletter oppure unisciti al nostro canale Telegram!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli Recenti

Categorie

Contattaci per maggiori informazioni